arturo noci valutazione

Arturo Noci

(Roma 1874 – New York 1953)

biografia, valutazione gratuita, vendita e acquisto quadri

Parametri di valutazione delle opere di Arturo Noci

arturo noci opera piu quotata

Aggiudicazione record:
47.488 euro per un olio su tela di cm 110 x 160 nel 1995

valutazione opere di arturo noci

Valori medi per dipinti ad olio:
2.000 – 10.000 euro 

valutazione opere di arturo noci

Valori medi per opere su carta:
1.000 – 3.000 euro 

NOCI Arturo, pittore (Roma 1874 – New York 1953). Figlio d’arte (il padre Ercole era scultore in legno, intagliatore e decoratore; la madre Tecla Monacelli, copista dall’antico) frequenta da prima (dal 1887 al 1892) l’Istituto di Belle Arti a Roma, sotto la guida di Filippo Prosperi e poi l’Accademia di San Luca, con un curriculum di studi costellato di premi e riconoscimenti (nel 1896 vince il concorso per il pensionato Stanziati, bandito dai Virtuosi del Pantheon, nel 1897 ottiene la medaglia d’oro al concorso Wersthappen dell’Accademia di San Luca e l’anno successivo vince il Pensionato Catel bandito dall’Accademia stessa).

Esordisce come paesaggista sulla scia di Sartorio e Coleman, con effettti talmente lusinghieri da meritarsi sin dal 1904 l’ingresso nel “Gruppo dei XXV”. Nel 1906 partecipa all’impresa di illustrare i “Castelli Romani” di Edoardo de Fonseca, assieme a Giacomo Balla, Duilio  Cambellotti, Giuseppe Ferrari, Pio Joris ed Enrico Nardi, facendolo definire dal critico di Rivalta su Vita d’Arte “il vero poeta delle ville romane”.

A partire da questi anni comincia la sua ricerca sul corpo femminile che lo porterà, in un confronto a distanza con Camillo Innocenti, ad aderire al verbo divisionista, facendone uno degli esponenti di spicco del divisionismo romano. Riesce a fondere la solidità del disegnatore d’accademia con i virtuosismi di un efficace colorismo, esaltato dalla tecnica del colore diviso. “Dipinge – scrive Fagiolo dell’Arco – a strisciate di colore, blocca la luce nelle sue brume, ricerca la linea d’energia”.

Diventa così un peintre mondain, ma al contrario dell’amico-rivale antepone sempre l’analisi psicologica alla rappresentazione della spregiudicatezza e frivola civetteria, propria delle protagoniste della Belle Epoque. Come giustamente osserva Pasqualina Spadini “le giovani donne che dal 1903 al 1910 si svestono nello studio di Noci (via Margotta, 17), appoggiano alla rinfusa i loro abiti sulla seggiola, se ne stanno in poltrona a sfogliare una rivista illustrata, osservano i fiori appoggiandosi al davanzale di una finestra dai vetri invariabilmente chiusi, sfoggiano con pudore e innocenza le loro voluttuose nudità”.

Nel 1907 entra a far parte della Società degli Acquerellisti e nel 1916 viene nominato Accademico di San Luca.

Nel 1923 l’artista si trasferisce definitivamente a New York dove eserciterà sino alla morte,avvenuta precocemente nel 1953 per un incidente automobilistico, la remunerata attività di ritrattista alla moda della ricca società borghese americana.

 

Biografia a cura di Maurizio Berri

Sei interessato alla valutazione o alla vendita di quadri di Arturo Noci?

Chiama subito 06 6871425 – 335 5364897

Inviaci le foto delle tue opere seguendo le indicazioni

ALLA E-MAIL O SU WHATSAPP

alessio@ottocento.it

whatsapp  335 5364897


  1. Scatta una foto nitida al quadro e/o alla scultura
  2. Scatta foto di alcuni dettagli dell’opera, della firma e del retro se possibile
  3. Scrivi le dimensioni dell’opera

Contattaci tramite questo form

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Per eventuali richieste di valutazioni si richiede l'invio di immagini delle opere d'arte.

estensioni immagini accettate jpg-jpeg-png-gif - limite di 3Mb

captcha