vincenzo camuccini

Vincenzo Camuccini

(Roma 1771 – Roma 1844)

biografia, valutazione gratuita, vendita e acquisto quadri

Parametri di valutazione delle opere di Vincenzo Camuccini

dietrichstein-by-vincenzo-camuccini.jpg!Large

Aggiudicazione record:
95.566 euro per un olio su tela di cm 182 x 134 nel 2020

camuccini-vincenzo-autoritratto-con-moglie-710x500

Valori medi per dipinti ad olio:
2.000 – 9.000 euro 

camuccini-vincenzo-a-roman-triumphal-entry

Valori medi per opere su carta:
1.000 – 2.000 euro 

CAMUCCINI Vincenzo, pittore ( Roma 1771 – 1844 ). Affidato dal fratello Pietro, collezionista e mercante d’arte, alle cure del pittore D. Corvi, viene introdotto nell’ambiente della cultura tardo settecentesca del salotto romano di Angelica Kauffmann. Riconducibile a quel contesto è il Paride bambino ( 1796 Museo Borghese, Roma ), esempio di classicismo erudito e sentimentale.
Tra il 1790 ed il 1797 frequenta l’Accademia dei Pensieri dove conosce i pittori fiorentini P. Benvenuti e L. Sabatelli, il lombardo G. Bossi e gli stranieri F. X. Fabre, J. B. Wicar e M. Muller.
Grazie a questi incontri, la sua pittura subisce una notevole maturazione come si può constatare nei due dipinti La morte di Cesare e La morte di Virginia, entrambi a Napoli al Museo Capodimonte, che segnano il distacco dalla matrice settecentesca e l’approdo alla pittura storica alla J. L. David.
La sua pittura, nella Roma napoleonica e della Restaurazione si contrappone allo schieramento di G. Landi, con il quale l’artista si trova a gareggiare in più occasioni: nella chiesa di Piacenza di San Giovanni in Canale ( 1806-1810 )e a Perugia in Palazzo Baglioni ( 1807 – 1816 ); infine a Roma a Palazzo Torlonia ( 1810 ), a Palazzo Gabrielli ( 1809-11 ) e al Quirinale, ove il pittore accentua il tono aulico dei rimandi cinquecenteschi.
Nel 1810 visita Monaco e Parigi, ove a stretto contatto con J. L. David ed il suo atelier elabora la Continenza di Scipione.
Ispirati al medesimo rigore ed asciuttezza compositiva sono una serie di soggetti romani: Cornelia madre dei Gracchi ( 1810-11 , Lucca Palazzo Ducale ), Storie di Attilio Regolo, Virgilio che legge l’Eneide ad Augusto ( 1819 ), Le donne romane portano le gioie all’erario ( 1816 – 1820 ), La partenza di Attilio Regolo ( 1824, Roma Palazzo Braschi ): Tutte opere replicate più volte:
Con l’affermarsi della corrente purista inizia il declino del suo linguaggio classicista. Raffinato ed aulico ritrattista effigia anche l’alta società, papi e regnanti, nobili ed artisti della Roma di inizio secolo, tra i quali vanno ricordati il Ritratto di Pio VII e quello della Regina Maria Luisa.

Biografia a cura di Maurizio Berri

Sei interessato alla valutazione o alla vendita di quadri di Vincenzo Camuccini?

Chiama subito 06 6871425 – 335 5364897

Inviaci le foto delle tue opere seguendo le indicazioni

ALLA E-MAIL O SU WHATSAPP

alessio@ottocento.it

whatsapp  335 5364897


  1. Scatta una foto nitida al quadro e/o alla scultura
  2. Scatta foto di alcuni dettagli dell’opera, della firma e del retro se possibile
  3. Scrivi le dimensioni dell’opera

Contattaci tramite questo form

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Per eventuali richieste di valutazioni si richiede l'invio di immagini delle opere d'arte.

estensioni immagini accettate jpg-jpeg-png-gif - limite di 3Mb

captcha