Giovanni Costantini valore e prezzi

Giovanni Costantini

(Roma 1872 – 1947)

valutazione, vendita e acquisto quadri

Parametri di valutazione delle opere di Giovanni Costantini

Giovanni Costantini valore e prezzi

Aggiudicazione record:
11.000 euro per La Fame, un olio su tela di cm 125 x 190 nel 2002

Giovanni Costantini valore e prezzi

Valori medi per dipinti ad olio:
2.000 – 4.000 euro 

Giovanni Costantini valore e prezzi

Valori medi per opere su carta o piccoli dipinti ad olio:
300 – 1.000 euro 

COSTANTINI Giovanni, pittore (Roma 1872 – 1947). Da giovane comincia ad introdursi nel mondo dell’arte come garzone di bottega, prima dello scenografo Alessandro Bazzani, detto “Bazzanone”, dal quale eredita forse il gusto per la decorazione, poi del pittore Gioacchino Pagliei, venendo utilizzato come…imbianchino. Contemporaneamente studia e, nelle ore libere, frequenta, anche se saltuariamente, la Scuola serale del nudo all’Accademia di Francia, iniziando a produrre lavori nei quali si coglie l’influenza di Giulio Aristide Sartorio.

Esordisce alla Mostra degli Amatori e Cultori del 1892 con una serie di paesaggi della campagna romana. Verso il 1900 introduce nelle sue composizioni pittoriche la figura umana, come naturale complemento e forza animatrice del paesaggio, impegnandosi con grande passione ad armonizzare l’uomo alla natura, talvolta anche attraverso visioni simboliche.

Nel 1904 entra subito a far parte del Gruppo dei XXV della Campagna Romana, che gli affibbiano il nomignolo di “grillo” per la sua conformazione allampanata e sottile.

Alla prima Biennale Romana (1921), dietro pressante invito del Comitato organizzatore prima e del Sindaco di Roma poi, si decide a presentare l’impegnativo ciclo pittorico che lo aveva impegnato ininterrottamente dalla fine del primo conflitto mondiale, denominato Le lacrime della guerra. Subito cominciano difficoltà ed amarezze per l’autore, che accusato di disfattismo da alcuni membri del Comitato organizzatore per la crudezza di alcune scene di vita al fronte lo costringono a ritirare sei delle quarantacinque composizioni che costituivano il ciclo. Circolano minacce e le tele rischiano la distruzione per il loro tono pacifista ed antimilitarista.

Ad onta di tutto ciò, il pubblico decreta un grande successo alle opere del pittore ed il quadro La spia vince addirittura il primo premio per le opere di pittura.

Umile e modesto, malgrado le importanti mostre che lo vedono tra i protagonisti  (Mostra del Sempione a Milano del 1906, I Secessione romana del 1913, I Mostra dei XXV della Campagna Romana del 1922) Costantini continua a dipingere sino alla fine dei suoi giorni avendo davanti agli occhi un cartello appeso nello studio dove si legge: “Lavora come se dovessi vivere eternamente. Vivi come se dovessi morire nel prossimo istante”.

Biografia a cura di Maurizio Berri

Siete interessati alla valutazione o alla vendita di quadri di Giovanni Costantini?

Chiama subito 06 6871425 – 335 5364897

Inviaci le foto delle tue opere seguendo le indicazioni

ALLA E-MAIL O SU WHATSAPP

alessio@ottocento.it

whatsapp  335 5364897


  1. Scatta una foto nitida al quadro e/o alla scultura
  2. Scatta foto di alcuni dettagli dell’opera, della firma e del retro se possibile
  3. Scrivi le dimensioni dell’opera

Contattaci tramite questo form

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Per eventuali richieste di valutazioni si richiede l'invio di immagini delle opere d'arte.

estensioni immagini accettate jpg-jpeg-png-gif - limite di 3Mb

captcha