cesare pascarella valutazione opere

Cesare Pascarella

(Roma 1858 – Roma 1940)

biografia, valutazione gratuita, vendita e acquisto quadri

Parametri di valutazione delle opere di Cesare Pascarella

valutazione quotazione opere di cesare pascarella

Aggiudicazione record:
1.100 euro per un olio su tela di cm 18 x 12 nel 2010

cesare pascarella

Valori medi per dipinti ad olio:
300 – 1.000 euro 

cesare pascarella dipinti

Valori medi per opere su carta:
200 – 500 euro 

PASCARELLA Cesare, poeta e pittore (Roma 1858 – 1940). Il carattere ribelle e avventuroso si manifesta sin da ragazzino, fuggendo a dodici anni dal seminario dove i genitori lo avevano destinato. Fatti gli studi medi all’Apollinare, scuola rionale a due passi da piazza Navona, si iscrive all’Istituto di Belle Arti che peraltro frequenta in modo discontinuo. La formazione artistica verrà completata poi nella pittoresca Accademia di Giggi e, soprattutto, nelle quotidiane serate passate con Coleman, Carlandi e Ferrari nella fumosa saletta Omnibus del Caffè Greco, dove si tirava a tardi giocando con le carte o a boccette e disquisendo di arte e politica.

Sono questi gli anni che vedono gli inizi del grande poeta romanesco, ma anche gli esordi di un potenziale grande pittore.

Le sue pur buone qualità di pittore, ed in special modo di caricaturista, sono ben presto sopraffatte dalle eccelse qualità di poeta dialettale ed il successo che ottiene come scrittore offusca i valori della sua arte pittorica. Lui stesso cerca di fondere e compendiare tali predisposizioni accompagnando spesso i suoi sonetti con schizzi o scenette umoristiche, come fa con le illustrazioni del Morto de campagna.

Spirito arguto, camminatore infaticabile, grande organizzatore di scherzi è la vera anima goliardica del Gruppo dei XXV, cooptato dai fondatori nel verbale redatto il giorno stesso (24 maggio 1904) fra i tavoli del “Pozzo di San Patrizio” con il nomignolo di “scimpanzé” che la dice lunga sulla sua vena…burlonesca.

Famosa è rimasta la scommessa fatta con Diego Angeli al Caffè Greco, in una calda serata di noia (15 giugno 1895), su chi per primo fosse stato capace di raggiungere a piedi Venezia. Senza frapporre il minimo indugio, allo scoccare della mezzanotte, i due amici – forse un po’ su di giri per le abbondanti libagioni – partirono da via Condotti, come per una normale passeggiata, che vide 27 giorni dopo (12 luglio) Pascarella arrivare fischiettando con l’inseparabile pipa nel taschino e la borsa a tracolla, a piazza San marco a Venezia (il povero Angeli si era dovuto fermare dopo soli… 400 chilometri a Bologna, per un insopportabile gonfiore ai piedi).

E’ uno dei più forti animalisti dei XXV, ritraendo specialmente gli animali più umili ed in particolare gli asinelli. Ad Emile Zola che una sera del 1895 di passaggio a Roma domanda a Pascarella se per caso sia anche pittore, risponde pronto:”Pittore sì, ma di asini”. D’altra parte soleva ripetere “che lui pe’li somari è un gran pittore” anche perché “i somari sono modelli impagabili, Se si facessero pagare non sarebbero più somari ma uomini…”.

Il suo capolavoro resta comunque La Scoperta dell’America, vero poema dell’anima romana, edito nel 1894.

Biografia a cura di Maurizio Berri

Sei interessato alla valutazione o alla vendita di quadri di Cesare Pascarella?

Chiama subito 06 6871425 – 335 5364897

Inviaci le foto delle tue opere seguendo le indicazioni

ALLA E-MAIL O SU WHATSAPP

alessio@ottocento.it

whatsapp  335 5364897


  1. Scatta una foto nitida al quadro e/o alla scultura
  2. Scatta foto di alcuni dettagli dell’opera, della firma e del retro se possibile
  3. Scrivi le dimensioni dell’opera

Contattaci tramite questo form

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Per eventuali richieste di valutazioni si richiede l'invio di immagini delle opere d'arte.

estensioni immagini accettate jpg-jpeg-png-gif - limite di 3Mb

captcha